Decreto Sostegni: gli aiuti previsti per l’economia

decreto sostegni

Da oggi la bozza del Decreto Sostegni sarà oggetto di discussione presso il Consiglio dei Ministri, per potere essere definita prima della sua versione ufficiale. Il testo normativo prevede numerosi aiuti per lavoratori e famiglie, oltra allo stanziamento di fondi per la ripresa economica del Paese.

Il documento prevede una serie di misure specifiche e distinte in base all’area di intervento che andranno a disciplinare. Le principali aree di intervento riguardano l’economia, con particolare attenzione alle imprese, il lavoro e la salute.

Sostegni all’economia e alle imprese

Il primo degli interventi mirati all’aiuto delle imprese riguarda i sostegni alle Partita IVA. Saranno concessi contributi a fondo perduto, non sulla base dei codici ATECO, bensì sulle perdite di fatturato subite tra il 2019 e il 2020.

I sostegni sono destinati a coloro che hanno subito una perdita pari almeno al 30%. Tuttavia, non potranno usufruirne coloro che avranno ottenuto ricavi di oltre 5 milioni di euro. Sono previsti rimborsi dai 1000 a 150mila euro, divisi in 4 o 5 fasce per rimborsi fino al 60%.

Sul fronte fiscale, invece, permane l’ipotesi della pace fiscale. Oltra alla proroga prevista per alleggerire i tributi dovuti allo Stato, con il Decreto Sostegni annullerebbe le cartelle esattoriali del periodo 2000-2015.

Sostegni sul lavoro

Il Governo avrebbe in previsione una serie di disposizioni atte a tutelare gli italiani che hanno perso il lavoro a causa dell’emergenza prima sanitaria e poi economica causata dalla pandemia. Il decreto permetterebbe richiedere la Cassa integrazione per tutto il 2021a causa del Covid 19.

Oltre a particolari indennità per i lavoratori stagionali, sarebbe stato pensato un fondo ad hoc per gestire interventi di formazione e riqualificazione professionale, dando occasione ai lavoratori di inserirsi concretamente nel mondo del lavoro.

Tra le altre disposizioni sul lavoro prese in esame vi sono anche la proroga di altri due mesi per l’indennità NAPSI, agevolazioni e bonus per l’assunzione di lavoratori fragili, fino anche alla concessione di congedi per i genitori con figli fino a 14 anni in quarantena.

Sostegni alla salute

Uno dei principali aspetti toccati dal decreto è quello afferente alle misure da adottare in tema di salute e sicurezza. Inoltre, si prevede un incremento dei fondi per un totale di 1.400.000.000 euro destinati all’acquisto di vaccini. Altri 700.000.000 ne sarebbero destinati all’acquisto di farmici per la cura di pazienti affetti da Covid 19.

Sono previsti anche fondi da destinare al trasporto e alla distribuzione dei farmaci presso comuni e province. In questo modo, l’Esecutivo spera di potere raggiungere una fetta di popolazione maggiore per curare e prevenire il virus e permettere una più rapida ripresa delle attività produttive.

In attesa della versione ufficiale del Decreto Sostegni e degli eventuali cambiamenti che potrebbero essere apportati alla bozza, vi invitiamo a iscrivervi alla newsletter di Novaria per non perdere i prossimi aggiornamenti.