Bonus fiscale 50% per investimenti PMI e start up innovative

Bonus fiscale 50% per investimenti PMI e start up innovative

Il 15 febbraio 2021 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero dello Sviluppo che definisce l’assetto definitivo del bonus fiscale per gli investimenti in start up e PMI innovative. Oltre a rendere esecutiva la norma prevista dal Decreto Rilancio, il provvedimento stabilisce le modalità di attuazione dell’incentivo. 

Possono usufruire dell’agevolazione le persone fisiche che investono, direttamente o indirettamente, nel capitale sociale di start up e PMI innovative. Le realtà oggetto di investimento dovranno essere iscritte nella sezione speciale del Registro delle imprese. Sono ammessi anche investimenti effettuati tramite Organismi di investimento collettivo del risparmio (Oicr), purché siano mantenuti per almeno 3 anni. 

Come funziona il bonus fiscale  

Il bonus ha un valore pari al 50% per gli investimenti fino a 100 mila euro nelle start up e per gli investimenti fino 300 mila euro nelle PMI. Le soglie indicate fanno riferimento a ciascun periodo di imposta. Tuttavia, è prevista una detrazione del 30% sulla parte eccedente la soglia dei 300 mila euro, nei limiti stabiliti dal regime de minimis. 

Inoltre, in base a quanto disciplinato dal nuovo decreto, vi è la possibilità di portare in avanti le eccedenze di detrazione. Infatti, nel caso in cui la detrazione superi l’importo dell’imposta lorda, l’eccedenza potrà essere portata in detrazione nei periodi di imposta successivi, per un periodo al massimo di tre anni. 

Come accedere all’incentivo 

Per godere dell’incentivo si dovrà presentare un’istanza per via telematica, tramite il portale che sarà predisposto dal MiSE. La domanda dovrà includere i dati dell’investitore, dell’impresa nella quale si vuole investire, dell’eventuale Oirc e dell’ammontare della detrazione. Tale procedura permetterà agli organi preposti di effettuare le verifiche sul rispetto delle soglie del regime de minimis. 

In aggiunta, il decreto permette di agevolare tutti gli investimenti effettuati nel corso del 2020. In via del tutto eccezionale, naturalmente, sarà consentito inviare l’apposita istanza online anche dopo l’investimento. Solo in questo caso, l’impresa beneficiaria potrà presentare la domanda online tramite una finestra separata che sarà aperta sul portale dal 1° marzo e al 30 aprile 2021.