Credito d’imposta: tutte le agevolazioni del 2021

Credito d'imposta tutte le agevolazioni del 2021

Tra gli interventi adottati dalla nuova Legge di Bilancio vi sono anche importanti novità sul credito d’imposta. Il Piano Transizione 4.0, infatti, include crediti d’imposta su beni strumentali, formazione, ricerca e sviluppo, con modalità retroattiva. Ciò significa che le agevolazioni comprenderanno gli investimenti effettuati a partire da novembre 2020.  

Gli aiuti previsti dal Piano Transizione, pertanto, mirano a favorire le imprese che puntano sull’innovazione tecnologica anche nell’ottica di una maggiore sostenibilità ambientale. Lo scopo vuole essere il rilancio degli investimenti, finora gravemente penalizzati dall’emergenza sanitaria da Covid-19. 

Credito d’imposta per beni strumentali 

L’agevolazione consiste in un credito d’imposta utilizzabile in compensazione, in tre quote annuali, tramite modello F24. La fruizione può avvenire a decorrere dall’anno di entrata in funzione o di interconnessione dei beni acquistati. L’incentivo è rivolto alle imprese aventi sede sul territorio nazionale che investono in beni strumentali nuovi, anche in leasing.  

Gli investimenti in beni effettuati nel periodo 16/11/2020 – 31/12/2021; ovvero entro il 30 giugno 2022, a condizione che, entro il 31 dicembre 2021, l’ordine sia accettato dal venditore e si versi un acconto pari almeno al 20% del costo di acquisizione, danno diritto a: 

  • Credito d’imposta al 50% per investimenti fino a 2,5 milioni di €;  
  • Credito d’imposta al 30% per investimenti fino a 10 milioni di €; 
  • Credito d’imposta al 10% per investimenti fino a 20 milioni di €. 

Gli investimenti in beni effettuati nel periodo 01/01/2022 – 31/12/2022; ovvero entro il 30 giugno 2023, a condizione che, entro il 31 dicembre 2022, l’ordine sia accettato dal venditore e si versi un acconto pari almeno al 20% del costo di acquisizione, danno diritto a: 

  • Credito d’imposta al 40% per investimenti fino a 2,5 milioni di €; 
  • Credito d’imposta al 20% per investimenti fino a 10 milioni di €; 
  • Credito d’imposta al 10% per investimenti fino a 20 milioni di €. 

Ricerca e sviluppo 

Le spese che permettono di usufruire del dell’agevolazione nell’ambito della ricerca e dello sviluppo sono quelle relative a: personale (ricercatori e tecnici; quote di ammortamento, canoni di locazione e beni materiali mobili; contratti di ricerca extra-muros; quote di ammortamento relative all’acquisto da parte di terzi di privative industriali; servizi di consulenza; forniture e materiali. 

Anche in questo caso, il credito d’imposta è utilizzabile in compensazione tramite modello F24, in tre quote annuali di pari importo. Sono ammesse le spese sostenute nell’esercizio 2020-2021 nella misura di: 

  • Credito d’imposta al 20% nel limite massimo di 4 milioni di € per attività di ricerca  fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale;  
  • Credito d’imposta al 15% nel limite massimo di 2 milioni di € per attività di innovazione tecnologica per la realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi in chiave ecologica e digitale; 
  • Credito d’imposta al 10% nel limite massimo di 2 milioni di € per attività di design e ideazione estetica. 

Formazione 

Ulteriore ambito soggetto ad agevolazioni è quello della formazione del personale interno. Possono usufruirne tutte le imprese, a prescindere dalla loro forma giuridica, dal settore economico in cui operano, dal regime contabile e dalle proprie dimensioni. 

Gli interventi di formazione devono riguardare informatica, tecnologie di produzione, o vendita e marketing. Inoltre, va specificato che le tematiche della formazione devono avere come oggetto le tecnologie previste nel Piano Nazionale Impresa 4.0. Per la formazione del personale svolta nel 2021 è riconosciuto un credito d’imposta pari al: 

  • 50% delle spese nel limite massimo di 250 mila € per le piccole imprese; 
  • 40% delle spese nel limite massimo di 250 mila € per le medie imprese; 
  • 30% delle spese nel limite massimo di 250 mila € per le grandi imprese.    

Il sostegno di NOVARIA 

Il gruppo NOVARIA è vicino ai propri clienti e mette a loro disposizione anni di comprovata esperienza nel settore. Per richiedere ulteriori chiarimenti in merito alle agevolazioni previste vi invitiamo a contattarci. Se non volete perdere le prossime notizie e le novità sui nostri servizi, vi ricordiamo di iscrivervi alla newsletter e di seguire i nostri canali social.