Fondo di garanzia per Pmi: 100 giorni dalla riforma

Fondo di garanzia

Il 23 Giugno la riforma del Medio Credito Centrale ha festeggiato i suoi primi 100 giorni da quando è entrata in vigore lo scorso marzo. Da allora sono state messe in atto nuove disposizioni operative del Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese, utili a sostenere e aiutare le aziende.

Un supporto concreto, dunque, che si è posto l’obiettivo di favorire l’accesso alle fonti finanziarie per le Pmi grazie alla concessione di una garanzia pubblica.

L’utilizzo del Fondo si è dimostrato importante perché ottenere il credito per le piccole e medie imprese non è sempre stato facile. Si è trattato, quindi, di una misura che intendeva spingere le banche a concedere un supporto vero e proprio, pensato per stimolare le imprese a progettare e sviluppare programmi di investimento e di espansione nel mercato.

Tante le novità apportate e che riguardano: le condizioni di ammissibilità, le modalità d’intervento, le disposizioni di carattere generale del Fondo di Garanzia per le Pmi e l’articolazione delle misure di garanzia.

La riforma ha ampliato la platea delle aziende che hanno potuto beneficiare di queste agevolazioni. Sono, infatti, più di 20.000 le imprese che sono state ammesse nei mesi di aprile, maggio e giugno all’intervento del Fondo di Garanzia, per un importo totale dei finanziamenti di oltre 3 miliardi di euro.
Una misura ideale pensata per far crescere le imprese italiane e portarle ad alti livelli.