Fondo di Garanzia: aumenta la platea di beneficiari

Dopo avere ricevuto il nulla osta dalla Commissione Europea, le novità introdotte dal Decreto Agosto al Fondo di Garanzia sono entrate ufficialmente in vigore.  

Le modifiche riguardano le richieste di ammissione al Fondo effettuate dal 19 novembre 2020. Come comunicato da Medio Credito Centrale, a partire da questa data aumentano i soggetti che possono accedere a finanziamenti fino a 30mila euro garantiti al 100%.  

Chi sono i nuovi beneficiari del Fondo di Garanzia? 

In particolare, ora possono inoltrare domande di garanzia tutte le imprese individuali, i professionisti e gli studi professionali che svolgono attività ausiliarie dei servizi finanziari che rientrano nella sezione K del codice ATECO.  

Pertanto, sono ammessi soggetti che finora erano rimasti esclusi come le attività assicurativeconsulenti finanziari, enti non commerciali ed enti religiosi civilmente riconosciuti. In precedenza, infatti, erano ammessi solo agenti e subagenti di assicurazione e broker

Altri cambiamenti 

Un’ulteriore novità riguarda tutte le categorie di operazioni finanziarie garantite dal Fondo. Da adesso, infatti, anche le imprese che hanno ottenuto un prolungamento della garanzia per motivi di temporanea difficoltà potranno presentare richiesta di garanzia, purché risultino in bonis.

La notizia arriva proprio quando si sfiorano i 106 miliardi di euro per i prestiti garantiti dallo Stato a livello nazionale. Si tratta di numeri che testimoniano il successo del potenziamento effettivo del Fondo di Garanzia per le PMI. 

Il sostegno di Novaria 

Ricordiamo ai nostri lettori che il Fondo di Garanzia garantisce le operazioni finanziarie finalizzate all’attività d’impresa concesse da un soggetto finanziatore quale la banca o un altro intermediario. L’intervento del Fondo può avvenire per garanzia diretta, oppure per rassicurazione, ovvero assicurando il soggetto garante dell’operazione in prima istanza. 

Per ulteriori approfondimenti non esitate a contattarci. Il team di NOVARIA è sempre disponibile a rispondere alle vostre domande. Per non perdere i nostri aggiornamenti iscrivetevi alla nostra newsletter.