Arriva il Fondo Nazionale Innovazione: 1 mld per sturtup

Fondo nazionale innovazione

Dopo mesi di attesa il Fondo Nazionale Innovazione (FNI) è finalmente operativo. La crisi economica generata dalla pandemia di Covid19 ha evidenziato le precarietà esistenti nel sistema innovativo italiano. Durante il lockdown si è compresa l’importanza di un apparato produttivo consolidato e fortemente sostenuto dalla tecnologia.  

L’innovazione tecnologica e il suo supporto all’intera filiera delle imprese è il perno centrale su cui organizzare la ripartenza del Paese. Il Governo italiano punta su un futuro innovativo che possa creare concrete occasioni di crescita per il sistema produttivo e nuove opportunità di lavoro qualificato.  

Una crescita stabile, sostenibile e duratura è un elemento imprescindibile per avviare una competizione paritaria su scala globale. I maggiori competitor del settore, infatti, sono spesso supportati da investitori agguerriti.  

Che cos’è il Fondo Nazionale Innovazione? 

Da questi presupposti nasce il Fondo Nazionale Innovazione (FNI), un soggetto (SGR) multifondo che avrà una dotazione finanziaria di circa 1 miliardo di euro. Il fondo sarà gestito dalla Cassa Depositi e Prestiti e avrà l’obiettivo di riunire e moltiplicare risorse pubbliche e private dedicate al tema strategico dell’innovazione. 

Ciò sarà possibile grazie al Venture Capital, ovvero una serie di investimenti diretti e indiretti in minoranze qualificate nel capitale di imprese innovative con Fondi generalisti, verticali o Fondi di Fondi, che supporteranno startup, scaleup e PMI innovative.  

Gli investimenti saranno effettuati dai singoli Fondi del FNI in modo selettivo, in funzione della capacità di generare impatto e valore sia per l’investimento sia per l’economia nazionale. Il VC si propone dunque come strumento chiave nel mercato dello sviluppo dell’innovazione grazie alla flessibilità e alla rapidità degli investimenti che lo caratterizzano. 
 

Il sostegno di Novaria 

Con la sua capacità di attrarre nuovi investitori, l’FNI può avere un impatto decisivo sull’intero sistema economico italiano. Se da una parte si cerca rendere il Paese sempre più “smart” e competitivo, dall’altra si vuole ridurre il divario tecnologico che nell’arco degli ultimi vent’anni ha diviso l’Italia. In qualità di fondamentale strumento di crescita e mobilità sociale, si vuole estendere il diritto di innovazione a tutti i settori produttivi sull’intero territorio nazionale. 

Nello sforzo congiunto per far ripartire il paese, il gruppo Novaria resta vicino a imprese e lavoratori. Grazie ad anni di comprovata esperienza nel settore, garantiamo ai nostri clienti servizi di consulenza finanziaria e la ricerca delle migliori soluzioni per monetizzare il proprio credito. Inoltre, per non perdere gli ultimi aggiornamenti vi invitiamo a iscrivervi alla nostra newsletter.